Fnac
Torino, 18 Gennaio 2003

C'erano all'incirca una quarantina di persone, d'altronde il posto non né poteva ospitare di più, all'interno del "FORUM" della FNAC, di via Roma a Torino, per la breve esibizione di Marco Parente. L'eclettico cantautore nostrano, giunto per presentare il suo recente album TrasParente (Mescal Records) in contemporanea con il nuovissimo libro trasparente (City Lights Firenze), si è esibito in una performance degna di nota.

L'ex batterista dei CSI imbracciata la chitarra si è lanciato nel suo percorso sonoro eseguendo principalmente brani tratti dall'ultimo lavoro, come "Anima gemella" e "Farfalla pensante". Proseguendo con "Scolpisciguerra", "Derivanti" e "W il mondo" nella quale svestitosi dei panni del chitarrista, si è cimentato alla tastiera.

Ad accompagnare il "nostro" cantautore c'erano Enrico Gabrielli poli-strumentista alternatosi su diversi strumenti come diamonica,armonica,tastiera, clarinetto, sax tenore e flauto, e Marco Tagliola ai suoni.

Parente non solo si è concesso il lusso di un bis eseguendo i brani "Davvero trasparente" e "Succhiatori" quest'ultima del precedente album "Testa,di cuore"; ma si è esibito anche nel pezzo "Michelangelo Antonioli" di Caetano Veloso, da lui considerato uno dei più bei pezzi della canzone italiana, sottolineando il fatto che appartiene ad uno che italiano non lo è affatto.

Alla fine l'esibizione ha lasciato comunque l'amaro in bocca a molti, compreso il sottoscritto, per la breve durata del concerto.

di Alfonso Fanizza
Recensioni concerti

quante più cose salverò.. quanto più senso avrò.. quando mi vincerò