Arezzo Wave 2006
dal sito di Arezzo Wave

PSYCHO STAGE REPORT [15-07-2006]
Resoconto del pomeriggio in musica

Dopo vari tentativi La Pelle approdano sul palco dello Psycho come vincitori delle selezioni regionali del Trentino Alto Adige. Pink Floyd, Led Zeppelin, Queens of the Stone Age e Masters of Reality sono gli artisti a cui guardano e da cui il loro sound è stato potentemente influenzato.

Gli Entourage sono siciliani e questa è stata la prima esibizione live con la nuova formazione. Il suono è sperimentale e mescola insieme Beatles e Sonic Youth per un rock in continua evoluzione.

A seguire gli ormai noti, in territorio non solo nazionale, Settlefish. Si tratta di una band di forte impatto live. Jonathan, voce e chitarre, è italo-americano mentre il resto della band è bolognese. E' stata Rockit a proporli come gruppo di maggior rappresentanza del panorama musicale alternativo. Sono prossimi a un tour inglese, dopo l'uscita del nuovo disco prevista per febbraio '07.

Luca Nesti è un cantante toscano conosciuto più come autore per artisti come Anna Oxa o Mina. Da qualche anno ha intrapreso una brillante carriera da solista che lo ha portato a suonare su palchi di importanti manifestazioni come ad esempio il Pistoia Blues e il Neapolis.

Gli Amari, proposti da Mtv brand:new e Rumore, sono oramai una band di culto. Grand Master Mogol, il loro ultimo lavoro, ne ha rappresentato la consacrazione. Sound elettronico e basi strumentali, pop e sperimentazioni rendono il loro suono assolutamente originale. Dopo diversi anni sono stati felici di ritornare ad Arezzo Wave.

A chiudere, Marco Parente e i formidabili musicisti che lo accompagnano, tutti impegnati anche in altri progetti. Pezzi tratti dai nuovi Neve Ridens (i suoi due ultimi cd usciti a pochissimi mesi di distanza: stesso titolo per diverse canzoni) e dai vecchi album, caratterizzati da una ricerca accurata e laboriosa di testi e musica. Marco si riconferma come uno degli artisti più innovativi della scena musicale nostrana. Comunicato stampa
Neve ridens
Neve ridens
Recensioni concerti

uscire ed ascoltare... uno per uno